Fashion Journal

News & Eventi

Donna Zakowska e La Fantastica Signora Maisel

Costume designer newyorkese con una decennale carriera nel cinema americano, Donna Zakowska è anche il genio che ha curato il guardaroba dell’aspirante comedienne Midge, protagonista della serie di Amy Sherman-Palladino The Marvellous Mrs Maisel, tra i personaggi televisivi più amati degli ultimi anni.

Lo studio che genera i mondi oggetto della sua rappresentazione filmica sarà oggetto di una serie di incontri e proiezioni organizzati da Università di Bologna, Cineteca di Bologna e Fashion Communication Cultures; INC -Italian Research Network in Celebrity Culture. F.FRI ha scelto di sostenere queste iniziative per dare l’opportunità ai giovani appassionati e studenti di moda di potersi confrontare con questa importante interprete della moda per il cinema.

Il suo lavoro di costume designer

Specializzata in produzioni d’ambientazione storica, con una predilezione per il diciottesimo secolo, Zakowska ha spaziato in molte altre direzioni. Dal circo ai concerti rock di Mick Jagger, fino al teatro di prosa, d’opera e di burattini in USA e in Europa, collaborando con celebrità del calibro di John Turturro, Woody Allen e Jeffrey Kurland.

In tutte queste esperienze, il suo lavoro si distingue per la particolare cura dell’effetto d’insieme a cui si dedica meticolosamente. Presta una minuziosa attenzione alle figure secondarie e di sfondo che, unita ad un’accurata ricerca d’ambiente, dei trend e dei climi artistici dell’epoca, contribuisce a garantire lo straordinario fascino pittorico delle sue creazioni.
Un talento che le accomuna e le rende subito riconoscibili che le è valso numerosi premi. Nel 2008 il Costume Designers Guild Per i costumi della miniserie Hbo John Adams, l’anno successivo un Emmy e, nel 2018, una nomina per i look della Fantastica Signora Maisel.

The Marvelous Mrs. Maisel

Un immaginario di gonne a corolla e code di cavallo che ha ricreato sfogliando numerosi numeri dell’edizione francese di Vogue dal 1957 al 1960, riscoprendo l’affascinante potere del colore, fondamentale per rispecchiare le varie fasi di crescita di una casalinga ebrea in perfetto stile anni ‘50. Miriam “Midge” Maisel, donna dalla battuta facile che impara ad ascoltare la sua voce, dopo essersi resa conto di averne una, scoprendo la sua vocazione di stand-up comedian e trovando il coraggio di rivoluzionare la sua vita e con essa il suo guardaroba.

«I suoi outfit raccontano l’ottimismo di una donna che, nonostante tutte le piccole grandi sfortune della sua vita, continua ad affermare il suo spirito e a rimanere in piedi» Passa infatti dagli abiti pastello en-pendant con guanti, cappello, cappotto e borsetta, al tubino nero con filo di perle della madre, uniforme del suo alterego sul palco.
Circa cinquemila le comparse che hanno richiesto il lavoro di venticinque sarti per dodici settimane, ma ce lo spiegherà meglio Donna Zakowska.

Incontriamo Miss Zakowska, dove e quando

I punti salienti del mestiere del costume designer per la serialità, saranno oggetto di una serie di approfondimenti a cura di Sara Pesce, co-fondatrice dell’Italian Research Network on Celebrity Culture e di due professori dell’Università di Bologna Roy Menarini, docente di Cinema e Industria Culturale, Culture della Televisione e della Serialità e Fashion and Film e Antonella Mascio, docente di Media e Processi culturali e di Moda e Media digitali. Con Donna Zakowska si discuterà del reperimento di materie prime, dell’uso delle risorse sartoriali, del criterio coloristico di sua invenzione e di come questo lavoro si inserisca nel sistema di produzione televisiva statunitense.
Neanche a dirlo, imperdibile poi l’approfondimento dedicato a La Fantastica Signora Maisel (di cui aspettiamo tutti con ansia l’ultima stagione!).

13.12.2022

Martedì alle 16:00 al DAMSLab/Auditorium di Bologna (in Piazzetta P.P. Pasolini, 5/b) assisteremo alla tavola rotonda con Donna Zakowska a cui parteciperanno Luca Barra, Paola Brembilla, Elena D’Amelio, Veronica Innocenti, Sara Martin, Guglielmo Pescatore e Silvia Vacirca.
Alle 18:00 proseguiremo con un incontro-intervista.

Alle 20.00 ci sposteremo nell’adiacente Cinema Lumiére per la proiezione del film Gigolò per caso di John Turturro. Un’intelligente commedia in cui per sbarcare il lunario il gigolò Fioravante (John Turturro) e il suo manager (Woody Allen) decidono di cimentarsi con il mestiere più antico del mondo per sbarcare il lunario. “Il film parla di solitudine e intimità che può essere sessuale ma anche no. L’idea del gigolò è una metafora per le relazioni perché le persone in una maniera o nell’altra pagano per avere amore” – il commento del regista.

14.12.2022

Il mercoledì in Aula Alberti al Campus Unibo in Piazzetta Teatini a Rimini, Donna Zakowska incontrerà gli studenti e le studentesse del corso di Laurea FAST – Fashion Studies.

Se non riesci a venire di persona, puoi seguirci anche in diretta su Facebook @damslab.lasoffitta e YouTube @UniBoDAR.
Per info: damslab.unibo.It e www.cinetecadibologna.it.


Cecilia Bidorini

LOADING